Torna indietro

Capra, Alessandro (ca. 1610-1683/85)

La nuova architettura militare d'antica rinouata da Alessandro Capra Architetto, e Cittadino Cremonese, Con l'Indice, e loro Argomenti; Diuisa in tre Parti, Con l'Indice, e loro argomenti; Consecrata al merito singolare dell'Eccellentis. Sig. il Sig. Gio: Tomaso Conte Enriquez de Cabrera Conte di Melgar, Gentilhuomo della Camera di Sua Maestà, & Gouernatore, e Capitan Generale dello Stato di Milano. Bologna, Giacomo Monti, 1683.

€ 1.500

Spedizione a/Shipping to:


Architettura e ingegneria militare nella Milano degli Asburgo di Spagna
Capra, Alessandro (ca. 1610-1683/85). La nuova architettura militare d'antica rinouata da Alessandro Capra Architetto, e Cittadino Cremonese, Con l'Indice, e loro Argomenti; Diuisa in tre Parti, Con l'Indice, e loro argomenti; Consecrata al merito singolare dell'Eccellentis. Sig. il Sig. Gio: Tomaso Conte Enriquez de Cabrera Conte di Melgar, Gentilhuomo della Camera di Sua Maestà, & Gouernatore, e Capitan Generale dello Stato di Milano.. Bologna, Giacomo Monti, 1683.

4° (mm 213x148). Segnatura: § 4 , §§ 4 , A-Z 4 . [16], 184 pagine. Carattere romano e corsivo. Frontespizio in cornice silografica architettonica, ritratto dell'Autore inciso su legno alla carta §§4v. Cinque tavole silografiche ripiegate, numerose illustrazioni a piena pagina e diagrammi nel testo. Iniziali, testatine e finalini incisi su legno. Cartonato coevo. Dorso ricoperto in pergamena tardo ottocentesca, con titoli manoscritti. Esemplare in buono stato di conservazione, piccolo foro alla carta con il ritratto, alcune carte uniformemente brunite, strappo restaurato alla terza tavola, quarta tavola con margini inferiore e superiore rinforzati e due piccoli strappi al margine superiore, forellino a c. §§4v.

Prima edizione di questo trattato riccamente illustrato di architettura e ingegneria militare.

La carriera del cremonese Alessandro Capra fiorì durante la dominazione spagnola dello Stato di Milano, territorio strategicamente importante per la Spagna asburgica. Di qui le frequenti esercitazioni militari che si svolsero nei domini lombardi, e il particolare interesse per le nuove tecnologie belliche e la progettazione di fortificazioni. Questo il contesto favorevole in cui vide la luce La Nuova Architettura militare, opera dedicata da Capra ad uno dei suoi più influenti protettori, Juan Tomás Enríquez de Cabrera, settimo duca Medina de Rioseco (1646-1705), e al tempo potente Governatore e Capitano Generale di Milano.

Il trattato è diviso in tre parti ed è corredato di numerose illustrazioni silografiche rappresentanti macchine da guerra e fortificazioni. Non mancano, però, silografie illustranti invenzioni meccaniche e idrauliche di ogni sorta, tra cui un sistema di produzione di acqua potabile. Molte delle invenzioni presentate da Capra non sono comunque del tutto originali; evidente è il suo debito nei confronti dei grandi teorici dell'architettura e dell'ingegneria del Rinascimento italiano, in primo luogo Francesco di Giorgio Martini (1439-1502).

Una seconda edizione dell'opera apparve a Cremona nel 1717, all'interno de La nuova architettura civile e militare, pubblicazione in due tomi che comprende anche un'altra opera di Capra, L'archittettura famigliare, originariamente edita nel 1678.

Fowler 80; Riccardi I, 234-235; Vinciana 4348; M. Dezzi Bardeschi, Su Alessandro Capra, ingegnere e architetto cremonese, e sul suo trattato d'architettura, “Studi secenteschi”, 4 (1963), pp. 45-79; L. Reti, Francesco di Giorgio Martini's Treatise on Engineering and Its Plagiarists, “Technology and Culture”, 4 (1963), pp. 287-298.