Il Psalterium David et cantica aliqua del 1513, il primo libro a stampa in lingua Ge’Ez - dal BLOG PrPh

Il Psalterium David et cantica aliqua del 1513, il primo libro a stampa in lingua Ge'Ez

Uno dei volumi più raffinati, tra i primi esempi di stampa nella città di Roma, è senza dubbio il Psalterium David et cantica aliqua in lingua Chaldea apparso nel 1513: si tratta del primo libro in assoluto stampato in lingua Ge'ez, idioma classico dell'Etiopia, una delle lingue più antiche dell'Africa orientale, estinta come lingua parlata fin dall'anno Mille, ma in uso nelle pratiche liturgiche fino al XIX secolo.

Il volume è pregevole non solo per la sua bellezza materiale e illustrativa - è infatti interamente stampato in bicromia nero-rosso - e per la sua rarità, ma anche per essere un "primato editoriale", come il Bay Psalm Book (il primo libro stampato in America, nel 1640) e la Algonquin Bible (la prima Bibbia stampata in America, nel 1685, nella traduzione in lingua indigena fatta dal missionario puritano John Eliot).

Il salterio romano del 1513 fu infatti il primo libro mai stampato il lingua Ge'ez, il primo libro stampato in occidente in una lingua orientale diversa dall'ebraico e il primo salterio in assoluto ad essere impresso in una lingua che non fosse ebraico, greco o latino (si veda Introduction to Psalms in the Early Modern World, London-New York 2011, p. 6).

L'approfondimento prosegue, in lingua inglese, sul sito PrPh Books sezione Blog