Torna alla lista

Aquinas santo Thomas.

Quaestiones disputatae de veritate.

Aquinas santo Thomas. Quaestiones disputatae de veritate. Roma, Arnold Pannartz, 20 gennaio 1476..

In-folio (mm 334x230). Segnatura: [٭4, a-f10.8, g8, h10, i-q10.8, r-s8, t-v10, x-z8.10, A-N8.10, O-P8]. [344] cc. Testo su due colonne di 42 linee. Carattere 106(108)R. Legatura ottocentesca in marocchino biondo con ricca decorazione dorata ai piatti e al dorso, tagli originali con titolo manoscritto. Esemplare ad ampi margini in ottimo stato di conservazione. Numerose postille di mano coeva nel testo.

Prezioso incunabolo, il penultimo impresso dal primo tipografo italiano ‘in domo Petri de Maximo’, in una zona intermedia tra Piazza Navona e Campo de’ Fiori, là dove più tardi fu costruito Palazzo Massimo alle Colonne. Il sodalizio dei due celebri prototipografi tedeschi Konrad Sweynheym e Arnold Pannartz cessò nel 1473 per la morte del primo, mentre il secondo proseguì la sua attività (impressit Rome ingeniosus vir Arnoldus Pannartz natione germanus in domo clari civis Petri de Max[imo]) fino al 1476, realizzando – secondo le linee editoriali della precedente collaborazione - ancora edizioni di notevole impegno culturale e di pregevole qualità tipografica. La raccolta di Quaestiones, qui in seconda edizione che segue la princeps di Colonia dell’anno precedente, comprende il De Veritate, testo fondamentale della patristica cristiana, in cui San Tommaso affronta i problemi ontologici connaturati all’idea di verità e verosimiglianza

HC* 1420; BMC IV, 62; Goff T, 180; IGI 9561; Pellechet 1019.